Pasticcini di mandorle

Questa settimana dalla rubrica dalle ricette di NonSoloBarolo vi presentiamo i pasticcini di mandorle alla curcuma con cioccolato fondente, che potrete proporre ai vostri ospiti come dessert al termine di una bella cena.

Pasticcini di mandorle

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 150 g di mix di farine senza glutine
  • 50 g di farina di mais
  • 50 g di polvere di mandorle
  • 1 dl di olio di semi di mais
  • 100 g di zucchero di canna
  • 2 uova
  • acqua ghiacciata
  • 6 g di lievito per dolci
  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 100 g di cioccolato fondente
  • sale

Preparazione

Utilizzate un mixer per frullare l’olio e le farine setacciate con il lievito e la curcuma. Unite la polvere di mandorle e frullate velocemente a più riprese, in modo da ottenere un composto di briciole.

Aggiungete lo zucchero e un pizzico di sale, poi incorporate un uovo intero ed un tuorlo e 2-3 cucchiaini di acqua ghiacciata; frullate ancora velocemente fino ad ottenere un impasto ben amalgamato.

Formate un panetto, avvolgetelo con la pellicola e mettetelo a riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Con le mani inumidite ricavate dall’impasto tante palline della grandezza di una noce, disponetele distanziate fra loro su di una teglia foderata con un foglio di carta da forno, appiattitele leggermente e cuocete i biscotti in forno già caldo a 180 °C per circa 15-20 minuti fino a quando saranno dorati, quindi lasciateli raffreddare completamente.

Intanto fate fondere a bagno maria il cioccolato e versatelo in una tasca da pasticcere usa e getta.

Tagliate la punta in modo tale da avere un foro sottilissimo, decorate i biscotti e conservateli in scatole di latta.

Pasticcini alle mandorle

Abbinamento consigliato

Per questo dessert vi proponiamo un paio di vini da uve moscato che abbiamo anche recensito con le nostre degustazioni del mese: il Moscato d’Asti DOCG di Ghiga (leggi la recensione​ed il Moscato d’Asti DOCG di Piero Gatti (leggi la recensione).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *