Stappare una bottiglia senza cavatappi

Stappare una bottiglia con un cavatappi “a leva” non è un’operazione molto semplice per tutti, è decisamente più alla portata stapparla utilizzando un cavatappi cosiddetto “a braccia”, anche se qualche docente AIS, ma non solo, potrebbe inorridire al solo pensiero, ma nel caso in cui ci si trovi in una situazione nella quale non si dispone di uno di questi strumenti come fare?

Da amante del vino questa domanda non dovrebbe mai nascere in quanto non si può pensare di trovarci nella condizione di degustare del buon vino, e quindi dover stappare una bottiglia, senza avere almeno un cavatappi!

Ad ogni modo vogliamo proporre tre metodi per uscire da questo empasse, nella sciagurata ipotesi in cui si verificasse :-)

Il primo metodo è quello di utilizzare un coltello seghettato spingendolo con molta cautela dentro al tappo di sughero, facendo molta attenzione a non far cadere il turacciolo all’interno della bottiglia. Il passo successivo è quello di far ruotare la lama tirando il tappo verso l’alto fino a quando lo stesso non sarà fuoriuscito.coltello

 

Il secondo metodo prevede l’utilizzo di una vite (più lunga è meglio è naturalmente) e avvitarla nel tappo di sughero per un paio di centimetri, facendo attenzione se si dispone di una vite molto lunga a non bucare il fondo del tappo facendo cadere all’interno della bottiglia frammenti di sughero. A quel punto con una pinza oppure con i denti di una forchetta si estrae il tappo tirando la vite verso l’alto.

Picture1

L’ultimo metodo è quello sicuramente più curioso e soprattutto ha il vantaggio che ciò che ci può servire per stappare la nostra bottiglia è facilmente reperibile; stiamo semplicemente parlando di una scarpa.

Occorre posizionare il fondo della bottiglia all’interno della scarpa poggiandolo sul tallone e batterla contro qualcosa di duro, per esempio contro un muro. Vedremo lentamente fuoriuscire il tappo di sughero fino a quando saremo in grado di estrarlo con le mani.

scarpa

È possibile anche battere con il tacco della scarpa il fondo della bottiglia inclinandola verso il basso in modo tale da sfruttare la forza di gravità.

E se lo fanno anche i maestri francesi siamo decisamente più sollevati! Guarda questo video che mostra come stappare la bottiglia con l’ultimo metodo proposto.

A questo punto non vi resta che esercitarvi con molte bottiglie! E’ per questo che in attesa di ottenere il cavatappi professionale di NonSoloBarolo vi proponiamo alcune delle nostre confezioni in offerta!

cavatappi

Il cavatappi NonSoloBarolo

 

1 commento
  1. Roberto
    Roberto dice:

    Sito degnissimo di nota; gestito da veri intenditori dotati per di più di talento.
    Ho chiesto consigli per il vino del mio matrimonio; un vero successo!
    Ringrazio tutti
    Roberto

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *